Servizi Demografici & Certificati

Competenza: Uffici Demografici

 

ATTENZIONE!...: Il contenuto di questa pagina si riferisce al servizio dei comuni in generale e non espressamente a Tramonti.


Certificazioni Anagrafiche:

 

Sono i certificati rilasciati dall'Ufficio anagrafe ai richiedenti, in carta libera o in carta da bollo a seconda dell'uso:

  • cittadinanza

  • residenza

  • stato di famiglia per uso assegni

  • stato di famiglia, che riguarda la composizione del nucleo familiare

  • stato di famiglia alla data del decesso (generalmente necessario per il disbrigo di pratiche amministrative o notarili)

  • contestuale (es.: stato libero, residenza, cittadinanza)

  • esistenza in vita

  • nascita

  • matrimonio

  • morte

  • stato civile

  • godimento dei diritti politici


N.B.: tutti questi certificati possono essere sostituiti dall'autocertificazione.
l certificati anagrafici e di stato civile hanno validità di 6 mesi dalla data di rilascio. l certificati contenenti dati non soggetti a modificazioni hanno validità illimitata. Se allo scadere dei 6 mesi le informazioni in essi contenute non sono variate, gli interessati potranno dichiararlo in fondo al certificato stesso.


MODALITÀ, TEMPI E COSTI:
Può farne richiesta chiunque abbia un documento d'identità valido e conosca i dati anagrafici della persona cui si riferisce il certificato. Non occorre compilare nessun modulo di richiesta. Se il certificato viene richiesto in bollo non serve portare il bollo in quanto l'imposta viene assolta in maniera virtuale.



Certificazioni di stato civile:

 

I certificati ed estratti di Stato Civile sono l'attestazione da parte dell'ufficiale dello Stato Civile di un avvenimento (nascita, matrimonio, morte) relativo a un soggetto determinato e sono rilasciati esclusivamente in carta libera.
Con le modifiche introdotte dalle ultime leggi sulla semplificazione e con il nuovo Ordinamento per lo Stato Civile, tutti i suddetti certificati vengono richiesti d'ufficio e non hanno più scadenza. Vengono rilasciati dal Comune in cui è avvenuto l'evento e dal Comune di residenza dell'interessato se l'atto cui si riferiscono è stato trascritto.
Per gli eventi avvenuti all'estero è possibile rilasciare certificati ed estratti se i relativi atti sono stati trascritti in Italia.
Le copie integrali degli atti, se richieste da produrre ai Tribunali, vengono rilasciate solo all'interessato o con delega scritta dello stesso nel caso le richiedano direttamente gli studi legali.


MODALITÀ, TEMPI E COSTI:
La richiesta deve essere fatta presso l'Ufficio Stato Civile.



Dichiarazione sostitutiva dell'atto notorio:

 

Consiste in una libera dichiarazione con cui il cittadino può dichiarare -sotto la propria responsabilità -di essere a conoscenza di fatti, stati e qualità che lo riguardano o che riguardano altre persone (di cui egli abbia diretta conoscenza) da rendere a favore di Pubbliche amministrazioni o di imprese di gestione di Servizi Pubblici (Telecom, ASMl, ENEl, ecc.).
Può rendere la dichiarazione chiunque sia maggiorenne. In caso di minori o di interdetti, la dichiarazione è sottoscritta dal genitore o dal tutore che dovranno essere muniti di un documento di identità valido e nel caso di interdetti anche di copia del provvedimento di nomina. Il rilascio avviene contestualmente alla richiesta.
la dichiarazione sostitutiva di atto notorio può essere autenticata solo se diretta ad un privato (autentica della firma), oppure quando viene presentata ad organi della Pubblica Amministrazione, nonche a gestori di servizi pubblici al fine della riscossione da parte di terzi di benefici economici. la sottoscrizione non è soggetta all'autenticazione ove sia apposta in presenza del dipendente addetto ovvero la dichiarazione sia presentata unitamente a copia fotostatica di un documento di identità del sottoscritto re.


N.B.: Non si possono sostituire con dichiarazioni sostitutive di anni notori gli atti che riguardano espressioni di volontà o dichiarazioni d'impegno. In questi casi ci si deve rivolgere ad un notaio.


MODALITÀ, TEMPI E COSTI:
Esistono appositi moduli predisposti dalle singole amministrazioni, oppure è sufficiente l'utilizzo di un normale foglio di carta compilato con i propri dati (nome, cognome, luogo e data di nascita, indirizzo di residenza) e ciò che si deve dichiarare.



Autenticazione di firme, copie conformi e legalizzazione di fotografie:


È un servizio rivolto ai cittadini residenti e non residenti esclusivamente per atti da produrre ad organi della Pubblica Amministrazione e per i quali è espressamente prevista l'autenticazione. Con l'applicazione delle leggi sulla semplificazione amministrativa le firme sulle domande rivolte alle Pubbliche Amministrazioni ed ai gestori o esercenti di pubblici esercizi (Telecom, Enel, ASML S,p,A" etc,) non devono essere autenticate se poste in presenza del dipendente addetto alla ricezione della domanda ovvero la domanda sia presentata unitamente a copia fotostatica, non autenticata, di un documento di identità valido.
In particolare, è vietata per legge l'autenticazione della firma sulle domande di partecipazione a concorsi o selezioni per assunzioni nella Pubblica Amministrazione o per il conseguimento di abilitazioni, diplomi o titoli culturali.
L'autenticazione della firma è l'attestazione, da parte di un pubblico ufficiale, che la sottoscrizione di un documento è stata apposta in sua presenza dopo aver accertato l'identità della persona che appone la propria firma. Colui che firma deve essere in grado di intendere e di volere e in possesso di un documento d'identità valido.
L'autenticazione delle copie di atti è l'attestazione da parte di un pubblico ufficiale che le stesse sono conformi all'originale, Non possono essere fatte copie autentiche da documenti diversi dagli originali. La copia autenticata è valida come l'originale a tutti gli effetti previsti dalla legge,
L'autenticazione, o più correttamente, la legalizzazione delle fotografie è l'attestazione da parte di un pubblico ufficiale che la foto riproduce l'immagine della persona che ha davanti della quale ha prima verificato l'identità,


MODALITÀ, TEMPI E COSTI:
La persona interessata deve presentarsi sempre munita di documento di riconoscimento valido e con:

  • per autenticare la firma: l'istanza o la dichiarazione da sottoscrivere;

  • per autenticare una copia: documento originale + fotocopia da autenticare;

  • per autentica di firma: -un documento di riconoscimento valido; 

L'autenticazione può essere richiesta anche in un Comune diverso da quello di residenza.



Carta d'Identità:


È un documento di riconoscimento personale rilasciato a cittadini italiani e stranieri di età superiore ai 15 anni residenti nel comune. Ai cittadini italiani, la carta d'identità valida per l'espatrio consente l'ingresso nei paesi aderenti al trattato di Schengen e occorre per entrare negli altri paesi dell'Unione Europea e, inoltre anche in Cipro, Croazia, Islanda, Liechtenstein, Macedonia, Malta, Norvegia, Principato di Monaco, Slovenia, Svizzera, e, solo per i viaggi turistici organizzati anche in Marocco, Tunisia e Turchia.
Può richiederla chiunque sia maggiorenne e residente nel Comune. Per i minorenni dai 15 ai 18 anni occorre, nel caso di validità per l'espatrio, l'assenso dei genitori o di coloro che esercitano la patria potestà.


MODALITÀ, TEMPI E COSTI:
La richiesta deve essere fatta presso l'Ufficio Anagrafe.
La persona interessata deve presentarsi con:

  • tre fotografie recenti, uguali, formato tessera frontali, a capo scoperto

  • un documento di riconoscimento {vecchia carta d'identità scaduta in caso di rinnovo o quella da sostituire in caso di deterioramento)

  • copia della denuncia ai Carabinieri in caso di smarrimento o furto

  • permesso di soggiorno per i cittadini extracomunitari

  • due testimoni muniti di documento di riconoscimento che dichiarino di conoscere il cittadino richiedente in caso che questi non sia in possesso di alcun documento.



Certificato di nascita per espatrio dei minori di anni 15:


È un documento di riconoscimento personale per i minori di anni 15, valido per cinque anni. Per i minori con età superiore agli anni 10 la validità è limitata al compimento del 15° anno. Serve esclusivamente per l'espatrio, che è consentito con il visto della Questura o del Commissariato di zona competente.


MODALITÀ, TEMPI E COSTI:
Presentazione allo sportello dei genitori del minore (di cui non è necessaria la presenza), muniti di una fotografia del minore recente, formato tessera a capo scoperto, e del proprio documento di riconoscimento per il rilascio dell'attestato che viene consegnato unitamente alla domanda per ottenere il visto per l'espatrio da parte del Commissariato.
Per il rilascio del visto presso il Commissariato di pubblica sicurezza è necessaria la presenza di entrambi i genitori per sottoscrivere la dichiarazione e l'assenso all'espatrio.
Per i figli minori di coppie divorziate o separate occorre inoltre l'autorizzazione del Giudice Tutelare.



Passaporto:


Il passaporto -che può essere richiesto da chiunque sia maggiorenne -è un documento di riconoscimento personale che consente l'ingresso in tutte le nazioni, sia europee che
extra europee.
Ha una validità di 10 anni. Qualora sia rilasciato per un periodo inferiore a 10 anni, può essere rinnovato, anche prima della scadenza, per periodi complessivamente non superiori a 10 anni dalla data del rilascio. Per i minorenni occorre l'assenso dei genitori o di coloro che esercitano la patria potestà.
l minori fino a 16 anni possono essere iscritti sul passaporto dei genitori.
Per i genitori coniugati con figli minori, non separati ne divorziati, la richiesta di rilascio o rinnovo deve essere sottoscritta anche dal coniuge. Per le persone separate o divorziate con figli minori occorre l'autorizzazione del Giudice Tutelare; l'autorizzazione non è necessaria quando il richiedente abbia l'assenso dell'altro genitore oppure quando sia titolare esclusivo della potestà sul figlio.
La consegna del passaporto avviene, di norma, in 30/40 giorni, che possono essere meno se l'interessato presenta la richiesta direttamente al Commissariato di Polizia.


MODALITÀ, TEMPI E COSTI:
Chi richiede il rilascio o il rinnovo del passaporto deve:

  • Compilare il modello di autocertificazione da ritirare presso l'Ufficio Anagrafe, la firma deve essere apposta in presenza del funzionario competente;

  • Portare due fotografie formato tessera frontali, uguali e recenti, senza copricapo, solo in caso di rilascio; ricevuta di versamento del prezzo del passaporto (solo in caso di rilascio);
    marca di concessione governativa;



Cambio di residenza da altro Comune:


I cittadini che, provenendo da altri comuni italiani o dall'estero, stabiliscono la propria dimora abituale nel Comune, devono richiedere l'iscrizione nei registri dell'Anagrafe della Popolazione residente del Comune.
La residenza viene concessa dall'Ufficiale di Anagrafe dopo che sono stati disposti gli accertamenti atti a verificare che le dichiarazioni rese siano conformi alla realtà dei fatti.
L'Ufficio Anagrafe attiva anche la procedura di cambio di residenza sulla patente di guida e sul libretto di circolazione dell'autovettura; il cittadino riceverà a casa due etichette adesive, riportanti la nuova via, da applicare sui due documenti. Come da disposizione del Ministero dell'Intero, quando si effettua il cambio di residenza, non si deve richiedere il nuovo documento d'identità.


MODALITÀ, TEMPI E COSTI:
Entro 20 giorni dal momento in cui un cittadino abbia fissato la propria dimora abituale sul territorio comunale, è necessaria la sua presentazione allo sportello e nel caso venga richiesta la residenza presso un nucleo familiare esistente, che si presenti con la persona intestataria della scheda di famiglia (per intendersi: ex Capo Famiglia) che dovrà sottoscrivere la dichiarazione di accettazione nel proprio nucleo familiare.
Può fare la richiesta chiunque sia maggiorenne, per se e per i membri della propria famiglia. l cittadini italiani devono presentarsi con; carta d'identità o passaporto valido; codice fiscale; patente di guida italiana di tutti i componenti della famiglia e carta di circolazione dei veicoli di proprietà dei componenti della famiglia registrati in Italia.
l cittadini stranieri extra CEE devono presentarsi con il permesso di soggiorno valido, il passaporto e il codice fiscale. l cittadini comunitari devono presentarsi con la carta di soggiorno, un documento di riconoscimento e il codice fiscale.
N.B.: tutti i documenti in lingua straniera devono essere tradotti in italiano dal Consolato, dall'Ambasciata oda un traduttore ufficiale. Per gli stranieri in genere, è necessaria la documentazione comprovante i dati anagrafici dei famigliari.



Cambio di indirizzo:


 È la registrazione nell' A.P.R. del trasferimento di una persona/famiglia da una via all'altra, purchè nel territorio dello stesso Comune di residenza, in uno dei seguenti casi:

  • cambio di indirizzo dell'intero nucleo familiare

  • scissione da nucleo familiare con creazione nuovo nucleo

  • scissione da nucleo familiare con aggregazione ad altro nucleo

Per richiedere la variazione anagrafica è necessario avere la dimora stabile nell'abitazione che si dichiara occupare.


MODALITÀ, TEMPI E COSTI:
Il cambio di indirizzo (gratuito) deve essere effettuato entro 20 giorni dall'effettivo trasferimento.
Cambio di indirizzo dell'intero nucleo familiare: presentazione allo sportello di uno dei coniugi o, nel caso di conviventi, dell'intestatario della scheda di famiglia.
Scissione da nucleo familiare con creazione di nuovo nucleo: presentazione allo sportello dell'interessato.
Scissione da nucleo familiare con aggregazione ad altro nucleo: presentazione allo sportello dell'interessato con

l'intestatario della scheda di famiglia del nucleo di aggregazione per sottoscrivere la dichiarazione di accettazione nel proprio nucleo familiare.
l documenti necessari per l'inoltro della richiesta sono:

  • carta d'identità o passaporto valido

  • codice fiscale e patente di guida italiana di tutti i componenti della famiglia

  • carta di circolazione dei veicoli di proprietà dei componenti della famiglia registrati in Italia .permesso di soggiorno per i cittadini extracomunitari

  • carta di soggiorno per i cittadini comunitari.

N.B.: tutti i documenti in lingua straniera devono essere tradotti in italiano dal Consolato, dall'Ambasciata o da un traduttore ufficiale.



Denuncia di Nascita:

 

La denuncia di nascita è una dichiarazione obbligatoria che deve essere registrata dai Comuni. Può effettuarla il padre, la madre o un loro procuratore speciale, il medico, l'ostetrica o persona presente al parto, rispettando l'eventuale volontà della madre di non essere nominata.
Se i genitori non sono coniugati, la denuncia deve essere fatta da entrambi.


MODALITÀ. TEMPI E COSTI:
La denuncia deve essere fatta dalle persone di cui sopra, presso l'Ufficio di Stato Civile del Comune dove è avvenuto il parto; presso l.Ufficio di Stato Civile del Comune di residenza dei genitori (nel caso in cui i genitori non risiedano nello stesso Comune. salvo diverso accordo tra di loro, la denuncia va fatta presso il Comune di residenza della madre). oppure presso la Direzione Sanitaria dell'ospedale o della casa di cura dove è avvenuta la nascita.
La denuncia deve avvenire entro 10 giorni dalla nascita se la dichiarazione è presentata al Comune, entro 3 giorni se la dichiarazione è presentata alla Direzione Sanitaria dell'Ospedale o casa di cura in cui è avvenuta la nascita. In questo caso sarà cura del Direttore Sanitario trasmetterla al Comune nei 10 giorni successivi.



Pubblicazioni di matrimonio civile e religioso:


La pubblicazione di matrimonio corsiste nell'affissione di un atto contenente le generalità degli sposi presso la Casa Comunale. E in pratica la dichiarazione di voler contrarre matrimonio davanti all'ufficiale dello stato Civile oppure davanti a un ministro di culto, presentata dai coniugi o da persona che ne ha ricevuto da essi speciale incarico.
Viene fatta nel Comune di residenza di uno degli sposi, previa prenotazione.
Le pubblicazioni di matrimonio devono essere esposte all'albo per otto giorni consecutivi. Trascorsi tre giorni successivi alla pubblicazione, il matrimonio può essere celebrato entro 180 giorni.
I cittadini minori di 16 anni non possono unirsi in matrimonio.
Possono contrarre matrimonio civile:

  • i cittadini maggiorenni che hanno lo stato libero, cioè che non sono legati da un precedente matrimonio, e che non sono legati da vincoli di parentela, di affinità, di adozione e affiliazione nei gradi stabiliti dal Codice Civile;

  • i cittadini già coniugati che hanno ottenuto la cessazione degli effetti civili del precedente matrimonio;

  • i cittadini tra i 16 ed i 18 anni che hanno ottenuto l'autorizzazione del Tribunale dei Minori.
    La data e l'ora della cerimonia dovranno essere concordate con l'Ufficio di Stato Civile. Possono sposarsi con matrimonio religioso:

  • o i cittadini maggiorenni che hanno lo stato libero, cioè che non sono legati da un precedente matrimonio, e che non sono legati da vincoli di parentela, di affinità, di adozione e affiliazione nei gradi stabiliti dal Codice Civile;

  • i cittadini già coniugati con cerimonia religiosa che hanno ottenuto l'annullamento del precedente matrimonio;

  • i cittadini che precedentemente hanno contratto solo il matrimonio civile;

  • i cittadini tra i 16 ed i 18 anni che hanno ottenuto l'autorizzazione del Tribunale dei Minori.

MODALITÀ, TEMPIE COSTI:
La richiesta deve essere presentata all'Ufficio Stato Civile del Comune in cui risiede almeno uno dei due sposi, almeno due mesi prima del matrimonio, concordando personalmente un appuntamento.
Documenti acquisiti d'ufficio: copia integrale dell'atto di nascita in carta libera; certificato contestuale (cittadinanza, residenza e stato libero); nel caso di vedovi o divorziati, copia integrale del precedente matrimonio con annotazioni di divorzio oppure copia integrale dell'atto di morte del precedente coniuge;
In caso di matrimonio religioso, gli sposi devono presentare la richiesta di pubblicazione rilasciata dal Parroco o dal Ministro di Culto.
In caso di matrimonio di minorenni (dai 16 ai 18 anni) è necessario allegare l'autorizzazione del Tribunale dei Minori.



Denuncia di Morte:


È la notifica dell'avvenuto decesso nel Comune di un cittadino anche non residente.
In caso di decesso presso l'abitazione, va contattato il medico curante per l'accertamento delle cause e la redazione di un apposito certificato attestante l'avvenuta morte.
Se il decesso avviene in ospedale o in casa di cura, provvederà l' Amministrazione Ospedaliera a redigere i certificati del caso che potranno essere ritirati da un parente oda un delegato presso la Direzione sanitaria.
In caso di morte violenta, di morte improvvisa per strada o in luoghi pubblici, oppure in caso di morte di persone che vivono sole, deve essere avvertita l'Autorità Giudiziaria {chiamando il 113), la quale, dopo gli accertamenti di legge, darà disposizioni per la rimozione della salma.

MODALITÀ, TEMPI E COSTI:
La denuncia va presentata all'Ufficio di Stato Civile personalmente oda un delegato (in genere l'impresario di Pompe Funebri) oda un parente della persona deceduta entro 24 ore dal decesso, presentando il certificato di decesso redatto dal medico curante {viene fornito un modulo dall'ufficio e comunque le imprese funebri locali sono già in possesso di detto prestampato).
L'ufficiale di Stato Civile, dopo essersi accertato della morte a mezzo del medico necroscopo che redige apposito certificato, accertato che non vi siano indizi di cause dipendenti da reato o morte violenta (in tal caso occorrerebbe il nulla osta al seppellimento rilasciato dalla Procura della Repubblica), provvede al rilascio del permesso di seppellimento.
Esiste la possibilità di far eseguire la cremazione della salma dietro presentazione di duna dichiarazione di volontà del defunto o, in mancanza, del parente più stretto.



Servizi cimiteriali:


Consistono in prestazioni varie attinenti la gestione delle sepolture, delle esumazioni o estumulazioni, delle cremazioni.