Home Tramontipizza Home Elezioni I Candidati    Consult.  precedente   Seggi   Programma

  Scrutini e Risultati

 

Consultazioni Amministrative 12/13 Giugno 2004

Elezioni dei membri del Parlamento europeo ed elezioni amministrative 2004

( Legge 08.04.2004 n° 90, G.U. 09.04.2004 )

Con la legge n. 90 dell'8 aprile 2004 il Parlamento ha approvato nuove regole in materia di elezioni dei membri del Parlamento europeo ed altre disposizioni inerenti ad elezioni amministrative che si terrano il 12 e il 13 giugno 2004 insieme alle europee.

Il provvedimento in particolare allarga le incompatibilità per il Parlamento europeo, introduce le cosiddette “quote rosa”, in attuazione del principio di pari opportunità fra i sessi, e introduce la possibililtà dell'elettore di esprimere fino a tre le preferenze nell’ambito della lista votata.

http://www.altalex.com/

index.php?idstr=39&idnot=7146

 

Sindaci, Podestà e Commissari

dal 1866 al 1980

Tratto da "Tramonti alle Origini di Frà S.Fierro"

1866 Domenico Telese     Sindaco
1869 Carlo Vicedomini      Sindaco
1870 Generoso Citarella    Sindaco
1879 Luigi Salsano            Sindaco
1882 Generoso Citarella    Sindaco
1885 Gaetano Baccari       Sindaco
1888 Angelo Santelia       Sindaco
1891 Domenico Telese     Sindaco
1893 Luigi  Salsano           Sindaco
1894 Vincenzo Erancese    Sindaco
1896 Giovanni Pisacane    Sindaco
1899 Francesco Vicedomini     Sindaco
1914 Alfonso Medica    Sindaco
1916 Erasmo Amura    Sindaco
1920 Gennaro D' Alessio Commissario
1921 Alessandro Arturo Sindaco
1921 (Ago) Ottavio Rosati
Comm. Prefettizio
1921 (Nov) Erasmo Amura  Sindaco
1924 Bernardo Bove             Sindaco
1927 (Apr) Bernardo Bove Podestà
1929 (Gen) Francesco Montesanto Comm.
1929 (Feb) Francesco Montesanto Podestà
1935 (Gen) Francesco Santelia
Comm. Prefettizio
1935 (Apr) Francesco Santelia Podestà
1944 (Apr) Francesco Santelia Sindaco
1944 (Ago) Michele Giacomazza
Comm. Prefettizio
1945 Antonio D' Auria Sindaco
1945 (Giu) Mariano Esposito
Comm. Prefettizio
1945 (Giu) Mariano Esposito Sindaco
1950 (Apr) Cerullo Ouirino
Comm. Prefettizio
1952 (Mar) Pietro D'Arienzo
Comm. Prefettizio
1952 (Giu) Antonio Arpino   Sindaco
1956 Bonaventura Macchiarola  Sindaco
1961 Ottavio Apicella        Sindaco
1963 Alfredo Mandara      Sindaco
1978 Tommaso Esposito    Sindaco
1980 (20 luglio) Giovanni Accongiagioco Sindaco

1999 Armando Imperato (Sindaco uscente)

Rassegna Stampa:

Intervista con i candidati sindaci da:


Imperato Armando

Arpino Alfonso


Armando Imperato riconfermato Sindaco a Tramonti con 1507 voti  55,53%

Il voto è un tuo diritto

CLICCA PER VOTARE

sondaggio di TramontiPizza

In occasione delle consultazioni elettorali del 12/13 giugno 2004, la redazione di TramontiPizza vuole essere presente e dare il suo  contributo informando tutti quei tramontani residenti e non sugli avvenimenti elettorali del nostro paese.

 

 

L'obbiettivo che ci prefiggiamo e quello di dare  in tempo reale tutti gli avvenimenti prima e dopo la consultazione con relativi risultati.

 

Il voto è un tuo diritto

CLICCA PER VOTARE

sondaggio di TramontiPizza

 

SONDAGGIO PREELETTORALE

Non abbiamo la pretesa di essere una  società  di sondaggio e pertanto questa proposta  è da ritenersi solo un gioco a cui tutti i Tramontani possono partecipare sia residenti che non.


Elezioni Europee

Il 12 e 13 giugno "Election day": elezioni del Parlamento Europeo, elezioni amministrative e del presidente e consiglio della regione Sardegna. Il Consiglio dei ministri ha deciso di accorpare le elezioni europee e quelle amministrative in una sola tornata per due motivi: in tal modo si risparmieranno ben 450 milioni di euro ed inoltre si eviterà l’interferenza con l’anno scolastico.

Il Ministero dell’Interno ha divulgato una serie di informazioni utili per i cittadini al fine di adempiere al diritto di voto. Vediamo insieme quando, dove e come si vota per le elezioni europee.

Quando si vota
Sabato 12 e domenica 13 giugno iniziano le consultazioni per l’elezione dei membri italiani del Parlamento Europeo. Le operazioni di voto si svolgeranno dalle ore 15.00 alle ore 22.00 di sabato e dalle ore 07.00 alle ore 22.00 di domenica.
Lo spoglio delle schede per le elezioni europee inizierà alle ore 22.00 di domenica.

Dove si vota
Il territorio italiano è diviso in 5 circoscrizioni elettorali. I seggi da assegnare sono 78:
- 1° circoscrizione: 20 seggi per il Nord-Ovest (Lombardia, Piemonte, Liguria, Val d'Aosta)
- 2° circoscrizione: 15 seggi per il Nord-Est (Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna)
- 3° circoscrizione: 15 seggi per il Centro (Marche, Umbria, Lazio, Toscana)
- 4° circoscrizione: 19 seggi (erano 21) per il Sud (Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Campania)
- 5° circoscrizione: 9 seggi per le Isole (Sicilia e Sardegna)

Come si vota
Sulla scheda elettorale è possibile esprimere:
- 3 preferenze nella prima circoscrizione
- 2 nella seconda, terza e quarta circoscrizione
- 1 sola nella quinta circoscrizione

Il colore delle schede elettorali varia a seconda della circoscrizione:
- grigio per la 1° circoscrizione
- marrone per la 2° circoscrizione
- rosso per la 3° circoscrizione
- arancione per la 4° circoscrizione
- rosa per la 5° circoscrizione

Chi può votare
Potranno partecipare alle elezioni europee i cittadini italiani maggiorenni residenti in tutti i Paesi membri dell'Unione Europea mentre gli italiani residenti nei Paesi non appartenenti all’Unione Europa dovranno tornare in Italia per recarsi al seggio presso l'ultimo Comune di residenza.

Gli elettori italiani residenti all'estero nei Paesi dell'Unione Europea potranno quindi:

- esprimere il loro voto presso i seggi istituiti dalle Rappresentanze diplomatico-consolari
- qualora lo desiderino, tali elettori iscritti nell'elenco degli elettori italiani residenti all'estero, se rimpatriano, potranno invece votare in Italia, facendone richiesta, entro il giorno precedente quello della votazione al Sindaco del Comune italiano nelle cui liste elettorali sono iscritti
- oppure, essi potranno votare per i rappresentanti del Paese di residenza, secondo le modalità stabilite dalle Autorità locali.

Anche i cittadini degli altri Paesi dell’Unione Europea, compresi quelli appartenenti ai 10 stati che dal 1° maggio sono diventati Stati membri, potranno votare in Italia per i rappresentanti italiani, inoltrando apposita domanda al Sindaco del Comune di residenza.

Divieto di usare i telefoni cellulari provvisti di fotocamera
Per assicurare il regolare svolgimento delle elezioni e mantenere intatto il principio di segretezza del voto i presidenti di seggio affiggeranno all’interno delle sezioni elettorale, un avviso contenente il divieto di utilizzare telefoni cellulari provvisti di fotocamera o altre apparecchiature in grado di registrare immagini all’interno delle cabine elettorali. Nel medesimo avviso sarà inoltre precisato che, qualora si verifichino fenomeni di condizionamento del voto, questi potranno essere perseguiti dalla competente autorità giudiziaria penale.

Il diritto al voto dei disabili 
Gli elettori affetti da gravi infermità esercitano il diritto elettorale con l'aiuto di un elettore scelto come accompagnatore dal disabile. L'accompagnatore può essere iscritto in un qualsiasi comune della Repubblica senza l'obbligo della residenza del comune del disabile.

Gli elettori non deambulanti possono esercitare il diritto di voto in altra sezione del Comune, che sia ubicata in stabile privo di barriere architettoniche e le cui cabine siano accessibili per le carrozzelle. La lista dei candidati dovrà essere affissa ad un’altezza che ne consenta la lettura in modo agevole, il piano di scrittura dovrà avere un’altezza di circa 80 centimetri e la cabina dovrà essere identificabile tramite l’apposita segnaletica. 

I disabili dovranno recarsi alle urne muniti di un certificato che attesti la condizione di non deambulante. I certificati, rilasciati gratuitamente dai medici della A.S.L, saranno disponibili presso le aziende sanitarie locali 3 giorni prima della consultazione. 

Gli elettori ricoverati nei luoghi di cura possono votare negli stessi luoghi esclusivamente previa esibizione della tessera elettorale e dell'attestazione rilasciata dal sindaco concernente l'avvenuta inclusione negli elenchi dei degenti in ospedali e case di cura ammessi a votare nel luogo di ricovero.