Articolo tratto da:  

giugno 2004  

   ritorna alla pagina iniziale

Spett.Le Imprenditore,

Il maggiore problema di un’azienda, è quello di essere trovati; un’impresa può avere un bel sito ed offrire il miglior prodotto sul mercato ma, se nessuno lo sa, non riuscirà mai a farsi conoscere. Per questa ragione nasce la necessità di promuoversi. Il mezzo più appropriato ed economico è un banner su siti molto frequentati, da cui con un semplice "clic" il navigatore può spostarsi sul sito dell'Impresa che ha deciso di usare questa forma pubblicitaria.

Più persone accederanno, grazie al banner, al sito dell'Impresa, più grande sarà la possibilità di fare nuovi affari.

Entra anche tu e conquista il nostro mercato

www.tramontipizza.org 

il portale internet delle pizzerie di TRAMONTI.

oltre 3000 pizzerie.

 

stampa modulo e spedisci
Modulo da spedire

Lista: Tramonti Democratica

Candidato a Sindaco: Imperato Armando

Candidati al consiglio comunale: Amatruda Domencio, Amodio Rosa, Bove Guido, Costabile Bonaventura, F errara Carmine, Giordano Antonio, Giordano Umberto, Falcone Francesco, Russo Gelsomina, Rossi Armando, Marrazzo Valenti- no, Vitagliano Emilio, Savino Alfonso, Savino Vincenzo, Francese Quirino, Di Martino Carolina.

Che giudizio dà alla sua amministrazione?
    «Che dire, nel '99 abbiamo ereditato una situazione disastrosa, con la gestione amministrativa di Enrico Fierro. Abbiamo dato ossigeno a questo paese e l'abbia- mo risanato. D'altronde è sotto gli occhi di tutti i miglio- ramenti che si sono avuti».


    Cosa pensa di aver fatto di positivo durante questi anni di gestione del Comune?
    «Abbiamo lavorato molto in questi anni, soprattutto c'è stata una vera sinergia con tutti i cittadini. C'è stata una vera partecipazione nella vita amministrativa del paese. Abbiamo così cercato di creare una vita sociale a Tramonti, che prima non c'era, dando dignità agli stessi cittadini. Abbiamo lavorato per il sociale, nel campo sanitario. Il nostro poliambulatorio è il primo che opera sul territorio. E poi ci sono in cantiere decine di opere pubbliche e il risanamento delle tredici frazioni. Abbia- mo abbellito alcuni angoli e reso più vivibile il paese».


    Quali potranno essere i punti caratterizzanti della sua futura amministrazione, in caso
di una riconferma ?

    «Per prima cosa lavoreremo intorno al Parco dei Monti Lattari, che porterà altra economia al territorio. Poi abbiamo in progetto, in collaborazione con la Comunità Montana,

 un "centro del Gusto", che realizzeremo nell'ex sede Gal. Ci sarà anche un vigneto sperimentale con area museale, e un centro di degustazione. Con questo progetto, Tramonti davvero cambierà.
    Poi attueremo la legge regionale, la numero 26, per il risanamento dei centri storici. Il tutto avverrà con la collaborazione dell'architetto Malaventano della Facoltà di Architettura di Napoli. Risaneremo i centri storici, le cinta murarie del Castello S.Maria, oggi sede del cimitero. E poi c'è il progetto di realizzare un'area acquatica fluviale, un percorso attraverso le antiche car- tiere e sorgenti del comune. Un contributo verrà dato poi anche ai privati per poter risanare i centri storici».


    Vuole dare un giudizio sulla lista capeggiata dal dottor Arpino?
    
«Certo. Niente di nuovo. Sono tutti vecchi amministratori, già conosciuti da tutti. I cittadini sono già a conoscenza del loro modo di governare. Non è certo una lista di nuovi».