Articolo tratto da:  

Martedì, 11 gennaio 2004

   ritorna alla pagina iniziale

Spett.Le Imprenditore,

Il maggiore problema di un’azienda, è quello di essere trovati; un’impresa può avere un bel sito ed offrire il miglior prodotto sul mercato ma, se nessuno lo sa, non riuscirà mai a farsi conoscere. Per questa ragione nasce la necessità di promuoversi. Il mezzo più appropriato ed economico è un banner su siti molto frequentati, da cui con un semplice "clic" il navigatore può spostarsi sul sito dell'Impresa che ha deciso di usare questa forma pubblicitaria.

Più persone accederanno, grazie al banner, al sito dell'Impresa, più grande sarà la possibilità di fare nuovi affari.

Entra anche tu e conquista il nostro mercato

www.tramontipizza.org 

il portale internet delle pizzerie di TRAMONTI.

oltre 3000 pizzerie.

 

stampa modulo e spedisci
Modulo da spedire

Tramonti, la gara dei presepi

Nei lavori si sono cimentati cittadini e studenti

 

TRAMONTI. Hanno lavorato giorno e notte per mettere in piedi il presepe più bello di tutto il paese. E, stavolta, oltre al vanto di vedere la gente accorrere in massa per visitare l’opera e alla convinzione di aver eseguito il lavoro più originale c’è stato pure un altro motivo per costruire i presepi nel miglior modo possibile: un concorso indetto da Informagiovani e dall’Amministrazione comunale. La quale ha abbracciato immediatamente l’idea e ha affidato la supervisone della manifestazione all’assessore Gelsomina Russo e al consigliere Vincenzo Savino. Così a Tramonti, il caratteristico paese della Costiera diviso in tredici frazioni, in quasi tutte le borgate e le parrocchie si sono dati da fare e si sono "industriati" in ogni modo per riuscire ad ottenere il primato. E i risultati non sono affatto mancati in quanto tutti i lavori sono stati giudicati di ottima fattura e la commissione ha avuto il suo bel da fare per scegliere il migliore. I presepi ammessi alla selezione finale della competizione sono stati ben undici e tutti realizzati oltre che da squadre di giovani e meno giovani pure da singoli cittadini. A concorrere alla "palma" del più bravo sono state le frazioni di Pietre, Pucara, Polvica, Paterno, Corsano, Gete, Campinola, e i "privati" Dante Viaggiano, Mimmo Basso, Danilo Amato e Corrado Amato. Alla fine a spuntarla sull’agguerrita concorrenza è stato il presepe realizzato a Pietre dalla parrocchia di San Michele. La giuria, composta dai maestri d’arte Vittorio Ruocco, Vittorio Mansi e Vittorio Lauro, dal vicario foraneo Don Nicola Mammato e dal fotografo Gino Landi, ha motivato la sua scelta giudicando l’opera di "ottima realizzazione, con buonissimi spunti architettonici e un’accurata cura dei particolari".
La premiazione è avvenuta nella sala consiliare, nel corso di una serata di gala, e a consegnare i premi è stato il sindaco Armando Inperato.
Alle "piazze" d’onore si sono classificati il presepe di Pucara, realizzato dalla parrocchia di Sant’Erasmo, e quelli di Paterno (parrocchia San Michele) e di Polvica (parrocchia San Giovanni). (g.d.s.)