Articolo tratto da:  

Sabato, 08 gennaio 2005

   ritorna alla pagina iniziale

Spett.Le Imprenditore,

Il maggiore problema di un’azienda, è quello di essere trovati; un’impresa può avere un bel sito ed offrire il miglior prodotto sul mercato ma, se nessuno lo sa, non riuscirà mai a farsi conoscere. Per questa ragione nasce la necessità di promuoversi. Il mezzo più appropriato ed economico è un banner su siti molto frequentati, da cui con un semplice "clic" il navigatore può spostarsi sul sito dell'Impresa che ha deciso di usare questa forma pubblicitaria.

Più persone accederanno, grazie al banner, al sito dell'Impresa, più grande sarà la possibilità di fare nuovi affari.

Entra anche tu e conquista il nostro mercato

www.tramontipizza.org 

il portale internet delle pizzerie di TRAMONTI.

oltre 3000 pizzerie.

 

stampa modulo e spedisci
Modulo da spedire

Costiera. Week-end nelle pazze piazze della festa

MARIO AMODIO L’Epifania ogni festa porta via. Ma non in Costiera Amalfitana dove la Befana farà respirare ancora per qualche giorno il clima natalizio. Già perché piazze, vicoli e slarghi fino a domani saranno ancora teatro di avvenimenti. A cominciare da Praiano dove proprio stasera, sul panoramico sagrato antistante la chiesa di San Luca, si esibirà Marcello Colasurdo in un concerto programmato a partire dalle 19.30. Ex operaio dell’Alenia, l’artista napoletano è da circa trent’anni sulla scena della musica tradizionale campana coniugando da sempre l’attività artistica con quella operaia. Impegnato nel cinema (ha lavorato con Federico Fellini), ma anche come attore di teatro con Mario Martone e Laura Angiulli, Colasurdo è stato voce, nonché emblema per 18 anni, del gruppo operaio «E Zezi» di Pomigliano d’Arco, ed ha poi collaborato con vari gruppi musicali tra i quali gli Alma Negretta e i 99 Posse. E c’è da giurare che questa sera infiammerà la piazza di Praiano dove il suo concerto, già programmato per il 27 dicembre, fu annullato a causa del maltempo. E per far spazio alla musica di Colasurdo, l’associazione Pelagos e il Comune di Paiano hanno cancellato l’ultimo appuntamento con il «Week-end del Gusto» previsto nell’ambito del Tradizionatale. A Tramonti, invece, si celebra la premiazione della «Mostra dei Presepi itinerante». Le opere, undici in tutto, sono state allestite in parrocchie e sedi di associazioni ed hanno tenuto impegnati, nel periodo pre-natalizio, giovani e intere famiglie. All’iniziativa, patrocinata dal Comune e in programma presso l’aula consiliare di TRAMONTI a partire dalle 19 di stasera, parteciperanno anche i componenti della commissione (vi fanno parte gli artisti costieri Vittorio Ruocco, Vittorio Manzi, Vittorio Lauro, Michele Pappalardo, Gino Landi e Claudio Papa), presieduta dal maestro Mario Carotenuto. A valutare l’aspetto sacro sarà invece il canonico della Madonna delle Grazie di Maiori, don Nicola Mammato. Ravello ripeterà invece per l’ultima volta la commedia teatrale dal «’O Munaciello» a cura del gruppo «La Ribalta». La rappresentazione è in programma sempre stasera (ore 18.30) presso l’auditorium di Villa Rufolo. Da non perdere il concerto che stasera chiuderà a Positano le manifestazioni natalizie. Alle ore 19, presso il salone dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, Maria Collina, Luigi Talamo e Marianna Casola, rispettivamente voce, chitarra e pianoforte, daranno vita a «La Melodia Incantata», nient’altro che una panoramica musicale tra l’Ottocento e il Novecento. Ancora uno spettacolo teatrale chiuderà la lunga serie di appuntamenti natalizi a Praiano dove il cartellone propone domani (ore 19) «So cose… e Napule» a cura di Scherzi Teatrali. A Ravello, invece, sono tre le iniziative previste per domani: la Straravello, gara podistica Ravello-Sambuco-Ravello (ore 10) e l’esibizione del gruppo Jingle Band (ore 16,30) nella frazione di Sambuco dove due ore più dardi è in programma una rappresentazione del presepe vivente con successiva reposizione del Bambinello e lancio della stella cometa. Per gli appassionati d’arte la mostra «Ravello una terrazza sul mediterraneo», organizzata da Bruno Mansi e curata da Massimo Bignardi, che si potrà ammirare nei aaloni di Villa Rufolo a fino al 20 gennaio. La collettiva raccoglie i disegni, gli acquerelli e i dipinti realizzati da 18 artisti. Anche ad Amalfi resterà aperta fino al 23 gennaio la mostra iconografica documentaria e bibliografica dal titolo «Paesaggi dell’anima tra cattedrali di roccia. Metamorfosi dell’immagine della Costa d’Amalfi fra incanto e maniera» allestita dal Centro di Cultura e Storia Amalfitana presso gli antichi Arsenali.