Venerdì 13 Maggio 2005

   ritorna alla pagina iniziale

Spett.Le Imprenditore,

Il maggiore problema di un’azienda, è quello di essere trovati; un’impresa può avere un bel sito ed offrire il miglior prodotto sul mercato ma, se nessuno lo sa, non riuscirà mai a farsi conoscere. Per questa ragione nasce la necessità di promuoversi. Il mezzo più appropriato ed economico è un banner su siti molto frequentati, da cui con un semplice "clic" il navigatore può spostarsi sul sito dell'Impresa che ha deciso di usare questa forma pubblicitaria.

Più persone accederanno, grazie al banner, al sito dell'Impresa, più grande sarà la possibilità di fare nuovi affari.

Entra anche tu e conquista il nostro mercato

www.tramontipizza.org 

il portale internet delle pizzerie di TRAMONTI.

oltre 3000 pizzerie.

 

stampa modulo e spedisci
Modulo da spedire

Si è svolto a Tramonti nella serata di giovedì il consiglio generale della Comunità Montana “Penisola amalfitana”

 tema della seduta: nuove nomine all’interno del consesso sovraccomunale.

Un consiglio generale della Comunità Montana “Penisola amalfitana” infuocato e a tratti surriscaldato da un clima teso, percettibile a tutti. Si è svolto a Tramonti nella serata di giovedì: tema della seduta le nuove nomine all’interno del consesso sovraccomunale relativo ai comuni di Maiori, Minori, Tramonti (nonostante il sindaco ancora non abbia permesso l’elezione del rappresentante della minoranza) Positano e Vietri sul Mare; la costituzione dei relativi gruppi politici e la votazione del bilancio preventivo nonché quello triennale dell’Ente. Un primo dato è emerso per il suo significato politico: il centro destra era completamente assente dall’Ente. Transfughi a sinistra una buona parte dei rappresentanti della Casa delle Libertà che fino a pochi mesi fa militavano nel centro destra - tranne Stefano Della Pietra, sindaco di Maiori e segretario provinciale dell’Udc che ha aderito al gruppo misto- sono rimasti in attesa di aderire a gruppi costituiti, altri sono confluiti nell’Udeur o nello Sdi. Sta di fatto che nessun gruppo di centro destra si è ancora formato. Quindi una Comunità Montana ad appannaggio esclusivo del centro sinistra, dove la Margherita e il Ds la fanno da padrone, in cerca in questi giorni di una soluzione per un equilibro tra assessorati e presidenza. Anche se sembra – stando ad indiscrezioni - che un accordo preveda già una riconferma del presidente Raffaele Ferraioli (Margherita) e Franco Massimo Lanocita, avvocato amministrativista eletto all’opposizione presso il comune di Minori, in quota Ds come vice presidente. Ma i giochi sono ancora da fare, grazie anche alla presenza di un minimo numero di consiglieri all’opposizione, con il gruppo “Rinnovamento” (nome significativo): Salvatore Di Martino, già sindaco di Ravello, Giocondo Cavaliere, capogruppo di opposizione a Furore, Stefano Della Pietra sindaco di Maiori, Luigi Arpino, consigliere di maggioranza a Maiori e Salvatore Della Pace, già sindaco di Maiori, ora capogruppo della maggioranza e del nascente gruppo “Rinnovamento”. Della Pace è da anni un fervente oppositore del presidente Raffaele Ferraioli, che pur militando a sinistra, per la sua posizione non condivisa dai Ds (“questione morale e denuncia dello sperpero di pubblico danaro”) si è visto costretto ad autosospendersi dal partito.

E così Raffaele Ferraioli rimane l’unico consigliere che ha il primato più longevo per la guida dell’Ente : venti anni di ininterrotta egemonia, nonostante le diverse vicende che lo hanno visto protagonista in negativo (lo scandalo dell’albergo abusivo Furore Inn; soldi pubblici elargiti ad aziende di famiglia; un uso non certo esemplare del pubblico danaro).”Siamo in presenza di un comitato d’affari – denuncia pubblicamente Salvatore Della Pace – il presidente Ferraioli in questi anni ha speculato sul suo ruolo, elargendo alla sua famiglia fondi pubblici provenienti dal Patto Territoriale, e svendendo pezzi interi di Furore, del suo paese. La coscienza ci impone di denunciare politicamente ciò che è sotto gli occhi di tutti – rincalza Della Pace, dinanzi ad un’assise imbarazzata e nervosa, poco abituata ad un vero confronto dialettico tra maggioranza e opposizione e dove il consociativismo è da anni un modus operanti – e il nostro dovere è dire la verità in questa sede. Il rinnovamento morale dovrà essere il presupposto principale per poter andare avanti”. Ma la risposta del presidente Ferraioli è stata alquanto flebile e poco convincente: “Si vede che il consigliere Della Pace non sa come funziona un Patto Territoriale, e a Furore ho creato la prima società mista pubblico privata, all’avanguardia in Italia”. La difesa degli alleati del Ds non è certo mancata: “sono un garantista per natura – ha sentenziato Franco Massimo Lanocita, in evidente imbarazzo - la Procura farà il suo corso, non siamo noi deputati a fare i giudici in questa sede, e all’ordine del giorno non ci sono questi argomenti”. Durante la lunga seduta non sono mancati i momenti di tensione, fino ad arrivare alla lettura del bilancio di previsione dell’anno 2005 e di quello triennale, in cui ancora una volta Della Pace ha fatto emergere questi dati: appena lo 0,018 % del totale delle spese è diretto verso il settore dell’agricoltura e per la difesa della montagna (settore che invece dovrebbe essere principale per l’attività dell’Ente), ben il 64% è impiegato per i compensi ( amministratori e dipendenti) e il restante in acquisto immobili (è il caso di un plesso a Tramonti dove dovrebbe sorgere la “casa del gusto”), e in manifestazioni e sagre varie. Ma i documenti contabili son passati - 26 i voti favorevoli, 3 i contrari e 3 gli astenuti- nonostante da subito si è capito che la Comunità Montana non sarà più quell’”oasi indisturbata” dove un solo uomo (il presidente), gestiva un concentrato di potere che lo rendeva onnipotente e immune da regole e rispetto delle norme.

(Michele Cinque)

 

per informazioni rivolgersi a:

info@tramontipizza.org