Articolo tratto da:  

mercoledì 12 maggio 2004

   ritorna alla pagina iniziale

Spett.Le Imprenditore,

Il maggiore problema di un’azienda, è quello di essere trovati; un’impresa può avere un bel sito ed offrire il miglior prodotto sul mercato ma, se nessuno lo sa, non riuscirà mai a farsi conoscere. Per questa ragione nasce la necessità di promuoversi. Il mezzo più appropriato ed economico è un banner su siti molto frequentati, da cui con un semplice "clic" il navigatore può spostarsi sul sito dell'Impresa che ha deciso di usare questa forma pubblicitaria.

Più persone accederanno, grazie al banner, al sito dell'Impresa, più grande sarà la possibilità di fare nuovi affari.

Entra anche tu e conquista il nostro mercato

www.tramontipizza.org 

il portale internet delle pizzerie di TRAMONTI.

oltre 3000 pizzerie.

 

stampa modulo e spedisci
Modulo da spedire


Infermiere aggredito in ospedale
Aveva rimproverato un uomo che fumava in corsia Il primario Sica: «Siamo esposti a qualunque pericolo»

Mariella Sportiello


Brutale aggressione ai danni di un infermiere, in servizio presso il reparto di Pronto soccorso dell'ospedale ''S.Maria Incoronata dell'Olmo'' di Cava, e caos in tutto l'ambiente ospedaliero che ha impedito per qualche momento la normale assistenza agli ammalati. E' accaduto lunedì sera: Domenico Guida, lo sfortunato protagonista dell'aggressione, stava svolgendo le sue abituali mansioni di infermiere al Pronto soccorso in quel momento affollato di persone. Guida si è accorto che il familiare di una paziente che si trovava in sala visite, per verificare le condizioni della moglie era entrato nella stanza con la sigaretta accesa, facendo la spola con la porta d'ingresso per eliminare i residui di cenere. L'infermiere ha prontamente ripreso l'uomo, ricordandogli il divieto, che in moltissimi purtroppo ancora ignorano completamente, di fumare in ospedale, ma non ha ottenuto granché; anzi, l'uomo ha cominciato a inveire all'indirizzo dell'infermiere. In un attimo si è scatenato il parapiglia e Domenico Guida, che è uno degli infermieri più anziani in servizio presso l'ospedale, è stato preso a schiaffi dall'uomo che gli ha addirittura anche lanciato contro la sigaretta accesa. Immediatamente il personale dell'ospedale ha cercato di sottrarre il collega dalla furia dell'uomo, che è stato bloccato, mentre a Domenico Guida l'aggressione è costata otto giorni di prognosi. Quest'episodio ha riportato ancora una volta alla ribalta il problema della mancanza di forze dell'ordine nell'ospedale di Cava, che vive quotidianamente nel terrore di episodi analoghi: «Siamo alla mercé di qualsiasi squilibrato che voglia introdursi nell'ospedale Ð ha affermato Carlo Sica, primario del Pronto soccorso Ð per ovviare all'inconveniente la direzione generale ha previsto l'assunzione a tempo pieno di vigilantes che finalmente veglieranno sul nostro lavoro. Ma per ora siamo esposti a tutto e a tutti».