Articolo tratto da:  

Mercoledì 12 Maggio 2004

   ritorna alla pagina iniziale

Spett.Le Imprenditore,

Il maggiore problema di un’azienda, è quello di essere trovati; un’impresa può avere un bel sito ed offrire il miglior prodotto sul mercato ma, se nessuno lo sa, non riuscirà mai a farsi conoscere. Per questa ragione nasce la necessità di promuoversi. Il mezzo più appropriato ed economico è un banner su siti molto frequentati, da cui con un semplice "clic" il navigatore può spostarsi sul sito dell'Impresa che ha deciso di usare questa forma pubblicitaria.

Più persone accederanno, grazie al banner, al sito dell'Impresa, più grande sarà la possibilità di fare nuovi affari.

Entra anche tu e conquista il nostro mercato

www.tramontipizza.org 

il portale internet delle pizzerie di TRAMONTI.

oltre 3000 pizzerie.

 

stampa modulo e spedisci
Modulo da spedire

A POSITANO E TRAMONTI
Costruzioni fuorilegge, sei denunciati

LUCIA CRISCUOLI
Amalfi. Record di abusi edizi in Costiera amalfitana : nei primi 4 mesi del 2004, da gennaio ad aprile, sono oltre 100 le persone denunciate che dovranno rispondere di diversi reati inerenti alle violazione dei vincoli paesaggistici, di deturpamento ambientale, di realizzazione di manufatti privi di ogni licenza e, ancora più grave, di violazione dei sigilli su opere precedentemente sequestrate.
Gli ultimi scempi con vista sul mare (solo in ordine cronologico) sono stati scoperti, pochi giorni fa, dai carabinieri della Compagnia di Amalfi, diretta dal capitano Emanuele Galtieri e dal luogotenente Paolo Maiellaro, responsabile del Nucelo operativo e radiomobile che, con l'ausilio dei comandanti delle stazioni di Positano e Tramonti, hanno scovato e sigillato cantieri abusi ritrovati nei comuni di Praiano e Tramonti. Sono 6 le persone denunciate, proprietari degli immobili, tecnici e direttori dei lavori. Due dei denunciati dovranno rispondere del reato di violazione di sigilli. Tra le opere sequestrate anche uno sbancamento di roccia, indispensabile patrimonio naturale per l'equilibrio idrogeografico della «divina» con uno scavo di 60 metri cubici. Altri abusi, che si dislocano su di un'area di 500 metri quadrati e dal valore di migliaia di euro, riguardano la creazione di manufatti ex novo e di ampliamento di immobili già esistenti. Tutti assolutamente privi di ogni licenza o autorizzazione.