ritorna alla pagina iniziale

 

Tramonti, condannato a tre anni Voleva far saltare in aria la casa


 

• TRAMONTI. Tre anni di reclusione. E’ la pena alla quale è stato condannato Oleksandr Kostohryz, cittadino ucraino di 28 anni e con regolare permesso di soggiorno, che, a luglio scorso, nella sua abitazione di Tramonti, cercò di far saltare in aria l’appartamento nel quale viveva con la convivente e il figlio di appena 17 mesi. Il reato contestato all’uomo era di tentato omicidio. La condanna è stata emessa dal Gup del Tribunale di Salerno.

• L’ucraino ha scelto il rito abbreviato. Il giudice ha accolto le richieste dell’avvocato dell’imputato, Alba D’Antonio, nonostante il pubblico ministero, Patrizia Giordano, avesse chiesto la pena di otto anni. Il ventottenne potrá scontare il residuo della pena agli arresti domiciliari, avendo giá trascorso un anno in stato di custodia cautelare in carcere.

• I fatti oggetto del processo avvennero il 15 luglio dello scorso anno. Oleksandr Kostohryz, nel corso della notte, mise in pericolo, dopo una lite con la sua compagna, l’incolumitá dei familiari, minacciando di far esplodere l’appartamento. E, perché si capisse che non era uno scherzo, prese dalla cucina una bombola di gas, la portò nella stanza da letto, dove c’erano la moglie e il figlioletto, aprì la valvola di sicurezza e impugnò un accendino. La scena si svolse a Tramonti, alla frazione Corsano, in una palazzina di tre piani abitata anche da altre due famiglie. A nulla valsero i tentativi di calmarlo. L’uomo continuò a smanettare sulla bombola, pronto a far scoccare la scintilla nel momento il cui il gas avesse saturato la stanza. Per fortuna la donna ebbe la prontezza di riflessi di afferrare il cellulare e di avvertire i carabinieri, che immediatamente, si recarono sul posto. I militari del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Amalfi e della stazione di Tramonti, raggiunsero l’abitazione di via Di Lieto e, dopo aver chiesto inutilmente all’ucraino di aprire, decisero di intervenire prima che fosse troppo tardi.

Gaetano de Stefano

http://quotidianiespresso.extra.kataweb.it/ MARTEDÌ, 04 APRILE 2006 Pagina 16 - Provincia

per informazioni rivolgersi a:

info@tramontipizza.org